top of page
  • giulioammannato

ORIGINI DELL’APPROCCIO CENTRATO SULLA PERSONA E NECESSITÀ DELLA SUA DIVULGAZIONE E UTILITÀ SOCIALE

Di Alberto Zucconi



L’Approccio Centrato sulla Persona (ACP), sviluppato da Carl Rogers nel XX secolo, ha avuto un profondo impatto sulla psicoterapia, sull’educazione, sull’assistenza sociale, la medicina, la prevenzione e risoluzione dei conflitti e tutte le relazioni interpersonali.


Rogers (Oak Park, 8 gennaio 1902 – La Jolla, 4 febbraio 1987) notissimo psicologo e terapeuta statunitense, soprannominato il rivoluzionario silenzioso, ha creato il primo modello psicoterapeutico fondato sul paradigma olistico/sistemico, un modello radicalmente alternativo rispetto alle prospettive psicologiche predominanti del tempo, fondate sul meccanicismo riduzionistico che tendevano a classificare e categorizzare i pazienti in base alle loro patologie, il terapeuta inoltre aveva e tuttora ha il ruolo di agente significante, cioè di colui che definisce la realtà per l’utente.


La teoria di Rogers si basava sull’idea fondamentale che ogni individuo possieda una tendenza intrinseca verso l’autorealizzazione e il miglioramento personale, una visone molto diversa dalle psicoterapie precedenti che si fondano su una visone della natura umana basata sulla psicopatologia.


Un elemento cruciale dell’ACP è la promozione dell’uso democratico del potere nelle relazioni terapeutiche e nella società in generale. Rogers sosteneva che il rispetto dell’autonomia individuale fosse essenziale per favorire il cambiamento e il benessere psicologico. Questo concetto si estende oltre il contesto psicoterapeutico, suggerendo che una società fondata sul rispetto dei diritti e delle scelte individuali sia più sana, più equa e sostenibile nel lungo termine.

Un altro aspetto significativo dell’ACP è la promozione del cambiamento attraverso azioni di empowerment. Rogers credeva che ogni individuo possieda risorse interne e capacità di adattamento che possono essere attivate e potenziate attraverso un sostegno empatico e genuino. Questo processo di empowerment non solo aiuta gli individui a superare le sfide personali, ma può anche avere un impatto positivo sulla società nel suo complesso, creando cittadini più resilienti e capaci di contribuire al cambiamento sociale.


La visione della natura umana proposta da Rogers rappresenta un’alternativa radicale al pessimismo e al determinismo delle teorie precedenti. Contrariamente all’idea di un essere umano preda delle sue pulsioni inconsce o automaticamente plasmato dalle circostanze esterne, Rogers concepiva l’essere umano come un individuo intrinsecamente motivato verso la crescita e l’autorealizzazione. Questa visione ottimistica si basava su dati scientifici e sull’evidenza osservabile in tutte le forme di vita del pianeta, evidenziando la capacità dell’essere umano di adattarsi e crescere in risposta alle sfide ambientali e sociali, come è vero per tutte le forme di vita del pianeta Terra.


L’ACP promuove non solo la salute e il benessere individuale, ma anche lo sviluppo del potenziale umano e del pensiero critico. Attraverso l’accento posto sull’empowerment e sull’autorealizzazione, questo approccio cerca di liberare le risorse personali e sociali che spesso rimangono inespresse a causa di fattori come la mancanza di fiducia in sé stessi o la scarsa consapevolezza delle proprie capacità.


Un concetto chiave all’interno dell’ACP è quello della persona pienamente funzionante che è in profondo contatto con se stessa e cosi facendo è capace di profondo contatto con gli altri e il mondo: a livello sociale è caratterizzata da una vita significativa caratterizzata da pensiero critico, cittadinanza attiva e sostenibile.

A Livello Valoriale l’Approccio Centrato sulla Persona si distingue per la sua convinta promozione di:


  • Difesa & Promozione Diritti Umani;

  • Promozione dell’ Empowermen;

  • Promozione delle Pari Opportunità;

  • Difesa e promozione diritti di tutte le minoranze;

  • Difesa e promozione della sostenibilità e degli SDG dell’ONU;

  • Difesa e promozione della Human Security;

  • Promozione dichiarazione delle Responsabilità delle presenti generazioni verso le generazioni future;

  • Difesa e promozione della Democrazia;

  • Difesa e Promozione degli approcci partecipativi;

  • Promozione degli Approcci Person & People-Centered;

  • Promozione del Rispetto Profondo, Empatia, Congruenza;

  • L’Approccio Centrato sulla Persona (ACP) è un approccio di promozione del cambiamento scientificamente validato.


Le Nazioni Unite e varie agenzie internazionali hanno riconosciuto l’importanza di adottare approcci centrati sulla persona nelle loro politiche e pratiche. Questo perché tali approcci non solo favoriscono il benessere individuale, ma anche la costruzione di comunità più inclusive, resilienti e sostenibili.


In conclusione, l’Approccio Centrato sulla Persona di Carl Rogers rappresenta una importante risorsa per la promozione della salute mentale, del benessere individuale e del cambiamento sociale (è stato nominato per il Premio Nobel per la Pace per le sue attività nel campo della risoluzione dei conflitti internazionali). La sua divulgazione e adozione a livello sociale può contribuire a creare una società più democratica, empatica e orientata al potenziale umano, promuovendo così una migliore qualità della vita per tutti.


48 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page